impara l'italiano

Differenze tra dare l'esempio e fare un esempio

fare un esempio vs dare l'esempio.jpg

Qualche settimana fa, un mio studente mi ha chiesto: “Mi dai un esempio?”. Se da una parte questo è il giusto atteggiamento per avanzare in un percorso di apprendimento linguistico, dall’altra non è il modo giusto per chiederlo.

Si tratta del risultato di una traduzione letterale dall’inglese: “Can you give me an example?” ed è sbagliato.

Quando non sai qualcosa e vuoi sapere come usare una parola, una regola grammaticale o qualsiasi altra cosa, chiedi: “Mi fai un esempio?”. E sarebbe meglio se tu aggiungessi anche “per favore”.

  • "Non ho capito, puoi farmi qualche esempio, per favore?"

    (I don’understand, can you give me some examples?)


“Dare un esempio” in Italiano significa qualcosa di diverso che può essere tradotto in Inglese come “set an example”. Si riferisce a comportamenti virtuosi.

  • Visto che sei più grande, dovresti dare l’esempio

    (Since you are the eldiest, you should set an example)


Molto simile è “Essere d’esempio”.

  • Il maestro deve essere d’esempio per i suoi studenti

    (The teacher should set an example for his students)


Rimanendo nella prospettiva della moralità, gli Italiani spesso dicono “Prendere esempio da qualcuno”, che significa “To take a leaf out of someone’s book”.

  • Potresti prendere esempio da Lucia

         (You could take a page out of Lucia’s book)

Come scrivere un'email in Italiano

MAIL.jpg

Scrivere un’email è uno dei primi compiti che si trovano ad affrontare tutti gli studenti di lingua. Certificazioni di lingua italiana come il CILS o il PLIDA testano l’abilità di uno studente di scrivere un’email o un breve messaggio. Al di là di questa situazione specifica, è facile trovarsi in una situazione in cui si ha la necessità di sapere come scrivere un’email. Al giorno d’oggi le email sono comunemente usate per chiedere informazioni, candidarsi per un lavoro, fare una prenotazione, ecc.

Troppo difficile? Non tanto se segui alcune semplici regole. La prima cosa che devi sapere è che l’email è un testo con una struttura precisa. Se organizzi il tuo testo in paragrafi funzionali e usi formula di apertura e chiusura appropriate, sei già a metà strada. Qui ci sono alcune espressioni utili per ciascun paragrafo che possono essere usate per scrivere diversi tipi di email.

how to.jpg

Formula di Apertura

Questa parte dell’email può cambiare tanto a seconda di chi sia il destinatario. Se stai scrivendo ad un amico o a qualcuno che conosci, puoi usare Caro/Cara o semplicemente Ciao. Se, invece, non conosci il destinatario, per esempio se stai scrivendo ad un albergo a una scuola, puoi usare alcuni aggettivi prima del nome: Gentile direttore/ Gentile insegnante o Egregio direttore/ Egregio professore ed Egregia professoressa. L’ultimo è un modo di dire molto formale e, quando lo usi, devi far attenzione alla concordanza di genere, impiegando correttamente i nomi maschili e femminili. Con il nome di un’azienda dovresti usare Spettabile. Per esempio: Spettabile Scuola di Italiano.

Buongiorno e buonasera sono sempre più diffusi. In realtà sarebbero dei saluti e dovrebbero essere usati nel parlato ma le abitudini stanno cambiando. Molto spesso sono preferiti ad altre forme di apertura quando non si può semplicemente dire “ciao” perché troppo informale ma non si vuole esagerare in convenevoli. Sono una via di mezzo e una facile soluzione quando non conosciamo il nome o il genere del destinatario.

Introduzione

A questo punto puoi:

1)    Presentarti: Sono Michael; Mi chiamo Allison Bay; Mi chiamo Robert Nash e sono un ingegnere elettronico.

2)    Ringraziare l’altra persona per la corrispondenza precedente: Grazie per la tua email; Sono stata molto felice di ricevere la tua email; Non vedevo l’ora di leggere tue notizie; ecc.

3)    Scusarti: Scusa se non ho risposto prima ma sono stato molto impegnato/a; È passato tanto tempo dall’ultima volta che ti ho scritto, ho avuto molto da fare ultimamente; ecc.

Corpo dell’email

Questa è la parte principale dell’email. Qui puoi spiegare la ragione per cui scrivi: Scrivo perché vorrei qualche informazione sui vostri corsi di italiano; Vorrei prenotare una camera; Scrivo per presentare la mia candidatura per il posto di…; ecc.

Formula di Congedo

Alla fine puoi usare Fammi sapere; Un abbraccio; A presto. Nelle email più formali puoi scegliere tra Distinti saluti e Cordiali saluti.