Solo per veri appassionati. Intervista con la blogger Ishita Sood

La prima cosa di cui ci si rende conto leggendo il sito www.ishitasood.com è che la sua fondatrice è “un’amante di tutte le cose italiane”. Lo stesso nome del blog Italophilia la dice lunga su Ishita. Come italiana sono molto curiosa di capire cosa l’ha fatta innamorare così dell’Italia. Scopriamolo insieme.

So che non sei una semplice turista ma dividi il tuo tempo tra l’Italia e l’India. Com’è scoppiato questo amore per l’Italia?

Ciao Emanuela! Io vengo dall’India e lavoro a Delhi. La mia storia d’amore con l’Italia è cominciata molti anni fa quando l’ho visitata per la prima volta. Ho sentito immediatamente una connessione con il paese, la cultura e la gente. Dopo allora, non ci sono stati ripensamenti. Visitare l’Italia è il mio obiettivo di ogni anno e di ogni qualvolta sia possibile.

Normalmente quanto tempo trascorri in Italia? Pianifichi di visitare città diverse ogni volta o soggiorni sempre nella stessa città e da qui ti sposti per visitare altri posti lungo lo Stivale?

Di solito mi fermo tre settimane, sebbene il mio viaggio più breve sia stato di 5 giorni nel 2016 per il Festival della Letteratura di Mantova. Mi sono offerta volontaria per quei cinque giorni e ho esplorato l’Austria e l’Ungheria subito dopo. Normalmente provo a vedere due nuove città in ogni viaggio. Non faccio viaggi affrettati. Di solito scelgo bei posti dove posso godere della vita locale e assaggiare buon cibo.


When I am in Italy, I love to observe the locals and catch a few extra words for my Italian vocabulary. I try to talk to anyone I can especially the Barista at the bar. Italians usually are a friendly and curious bunch of people and will make you feel comfortable.
— Ishita Sood - Italy Travel: Things to Know

Nel 2015 hai deciso di imparare l’Italiano. Secondo la tua esperienza, quale metodo può risultare più efficace?


L’Italiano è tutta un’altra storia per me perché la mia madrelingua, l’Hindi, non ci assomiglia in alcun modo. Ma durante gli ultimi mesi ho capito che il modo migliore per imparare una lingua sia parlarla più spesso, anche con sé stessi. Inoltre, guardare film italiani e ascoltare musica può rivelarsi molto utile. In qualche modo non mi accorgo nemmeno di conoscere i testi delle canzoni ma ascoltarle ripetutamente mi aiuta molto, oltre ai metodi di studio più tradizionali.

C’è una frase nel tuo blog che mi ha fatto sorridere: “L’Italia è un paese pieno di gente meravigliosa, fanno di tutto pur di aiutarti. Mi è capitato tante volte di essere aiutata da un completo estraneo per piccole o grandi cose. Questo è ciò che rende il viaggio memorabile e fa sì che tu voglia continuare a tornarci”. Puoi raccontarci uno di questi aneddoti?

Infatti è così e uno di questi aneddoti che porterò con me per sempre è legato alla mia esperienza di viaggio da Orvieto a Perugia. Ero stata bloccata da due uomini malintenzionati e interessati alla mia valigia e ai miei averi alla stazione di Orvieto. Per fortuna però ero riuscita ad allontanarmi e avevo trovato rifugio con una coppia che stava seduta dentro la stazione. Il mio treno era in ritardo di un’ora e io ero preoccupata ma quella coppia di Italiani rimase con me per tutto il tempo. Non conoscevano l’inglese ma in qualche modo riuscivano a capirmi e si assicurarono che potessi raggiungere Perugia in sicurezza. Mi aiutarono con il mio viaggio, fecero in modo di sedersi accanto a me in treno, mi fornirono i numeri dei taxi e addirittura scesero dal treno per salutarmi e assicurarsi che non fossi spaventata. Se non fosse stato per loro, avrei potuto trovarmi in un pasticcio. È così bello incontrare Italiani gentili!

Ishita 2.jpg

Sei una lettrice avida e nel tuo blog hai elencato alcuni libri Italiani che consideri assolutamente da leggere. Quanto pensi sia utile la letteratura per conoscere la cultura Italiana?

Leggere è qualcosa che mi viene naturale. Leggo da quando sono molto giovane, forse 3 o 4 anni. Quindi, negli ultimi anni, ho privilegiato letture sulla cultura italiana o libri scritti da autori italiani. La letteratura ispira enormemente la cultura a aiuta il lettore a capire una società molto più profondamente. Ci sono alcuni aspetti dello stile di vita italiano che anche una persona che non è stata in Italia può conoscere. Per esempio, un autore può far riferimento al preparare il caffè con la caffettiera. Una cosa così italiana!

Festa dei Ceri involves the entire town and I think that is commendable because it gives a spirit of unity. Every man, woman and child; young or old, upholds the tradition and folklore behind this festival.
— Ishita Sood - The Medieval Festa dei Ceri in Gubbio

Nel tuo post The Medieval “Festa dei Ceri” In Gubbio, hai descritto questo straordinario evento storico e religioso. Cosa ti ha colpito di più? Da Nord a Sud, ci sono molte feste e tradizioni in Italia. In che modo differiscono dalle feste Indiane?

Quando ho prenotato un viaggio a Perugia per visitare la Festa dei Ceri a Gubbio, non avevo la minima idea di cosa aspettarmi, eccetto che per le foto che avevo visto online. Comunque, essere lì è stato quasi come tornare indietro nel tempo. Era surreale e trasmetteva delle emozioni che non riesco a spiegare. Ho trovato la festa molto interessante e anche un po’ insolita. Ma devo aggiungere che le feste in Italia possono essere diverse dall’India in termini di divinità ma l’animo della celebrazione è lo stesso: sostenere le tradizioni locali e apprezzare la nostra cultura. E come posso dimenticare il cibo!

Vuoi aggiungere qualcosa?

Ti ringrazio per questa opportunità di essere online con The Italian Midday. Ci vediamo presto. :)